Qualche volta sai quello che una persona pensa

anche se non le chiedi niente, anche se non ti dice niente. Ci sono vibrazioni, sensazioni che esprimono più di una parola, di un gesto, di uno sguardo, del silenzio stesso. Alcuni credono di sapere cosa vogliono, mentre in realtà – tutto al più – sanno quello che non vogliono, ma di certo non conoscono quello di cui hanno bisogno. Appagamento minimo di molti. Una prassi consolidita. Anelavo fosse un giorno qualunque, ma un giorno qualunque, da tempo immemore, non può esserlo mai e così anche una domenica pigra, che doveva essere utile a ricaricarsi e togliersi qualche sfizio casalingo, richiede più impegno di quanto pensavi di imprimere. Ci vuole pazienza, come se si avesse a che fare con un bambino piccolo che non apprende la lezione. Qualche volta sei l’alunno, qualche altra l’insegnante. L’importante, al solito, è non perdere di vista il fine, perché il come ci si arriva può essere nebuloso, tortuoso.
Ho scoperto che chi è debole, spera che qualcuno sia più debole ancora per sentirsi forte.
Ho scoperto che chi si riempie la bocca di qualcosa che non gli appartiene, è  perché non ha niente di concreto da dire.
Ho scoperto che chi cerca un appiglio, lo fa perché non è abbastanza stabile.
E mentre faccio incetta di ulteriori, scontate, desolanti bugie, mi preparo un buon tea con annessi biscotti e ci sorrido su: non ho bisogno di mezzucci e so esattamente quello che pensi e senti anche tu.

Parlano, parlano, parlano…
E dicono che sanno però mentono, mentono…
Fu l’errore iniziale quello di volere tutto, tutto..
(Tiziano Ferro – La tua vita non passerà)

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Spiegazioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Qualche volta sai quello che una persona pensa

  1. ale says:

    ciao gianni!!:)
    è verissimo quello che scrivi! certe cose si sentono e non serve parlarne..! tanto il più delle volte non diciamo veramente quello che pensiamo:)
    “Ho scoperto che chi cerca un appiglio, lo fa perché non è abbastanza stabile.”
    delle tue 3 scoperte di questo post.. questa è quella che mi tocca di più.. troppe volte ho avuto paura di fare un passo senza avere un appiglio..:(:(
    Ti abbraccio!

  2. Gianni Gianni says:

    Ciao Ale 🙂 Al solito non credo le mie siano verita’ assolute, ma possono esserle per me e per chi la vita la sente/cammina alla mia maniera. Di sicuro ci sono persone che si sentono prescindendo qualunque atteggiamento/gesto/parola e sai da prima quando mentono o quello che provano. Qualche volta chi cerca un appiglio lo fa perche’ non ne ha la forza o perche’ non e’ in grado di capire quello di cui bisogna piuttosto che quello che vuole e credimi c’e’ un’enorme differenza 🙂
    Io abbraccio te 🙂

Rispondi