Qualche volta ci salutiamo senza scambiarci una parola,

tutto è affidato al pensiero e alle naturali emozioni, nessun gesto, nessun tiro di fiato, sguardo. Si va perché si deve andare. Noi eravamo già andati incontro a chi insegnare quello che noi due imparammo insieme (cit.), ma oggi è un andare diverso e per questo diverso ecco queste poche righe. Spero ogni sogno tuo si concretizzi nella maniera migliore possibile, e, soprattutto, ti auguro di non provare mai più quella sensazione di non completo appagamento che ti porti dietro da che ti conosco. Siamo stati un bel pezzo di passione travolgente, bugie inenarrabili, rancori, ossessioni e frustrazioni, tuttavia belli come nessuno nel nostro passato ha potuto capire: qualcosa deve pur aver contato, no? Fai buon viaggio, in bocca al lupo.

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged , , . Bookmark the permalink.

Rispondi