Eccomi alla fine di questa estenuante giornata,

che poi non è altro che l’inizio del nuovo giorno. Non ha prezzo guardarmi intorno e vedere la stanza dove per più di un quarto di secolo sono cresciuto anzichè le mura bianche del mio bugigattolo milanese. Pagherei tutto quello che ho per non sentire in bocca il sapore amaro della delusione. Innanzitutto devo delle scuse personali a Silvia di cui pochissimi sono a conoscenza. Non è mai stata mia intenzione usarti ma, quel nostro tacito accordo di non relegare ai sentimenti il nostro frequentarci, lo stesso mi ha spinto a non evolvere mai il nostro rapporto per cui il mio metterti in disparte è giustificato solo da questo e non perché io pensi che tu sia una persona non attraente o perché non degna di attenzioni diverse, ma proprio per ciò che ho scritto poc’anzi. Quindi, visto che so che ogni tanto passi qui a leggere di tutto il resto, sappi che cmq avrei piacere di spiegarti meglio certi miei comportamenti che non sono stati di tuo gradimento.
Federica. Ti voglio bene e te ne voglio con la massima sincerità e il rispetto che si ha per una persona che viene associata al termine amica. Non credo che tu attui sotterfugi come si è detto oggi per stare da sola con me, perché non avrei nessunissimo problema ad uscire da soli, per il semplice fatto che so che rispetti le mie scelte. E fin quando avrai voglia di sopportare i delirii del mio umore, io ci sarò. Chiara. Non ce la faccio, non ce la faccio a subire la pressione dei tuoi modi, dove centinaia di sms al giorno ti rendono pesante. Non fosse altro che se mi scrivessi messaggi in cui si arrivasse al nocciolo della questione, avrebbero un senso, ma messaggi tipo “oggi c’è il sole” credimi.. sono devastanti e nonostante tu sia una bellissima ragazza, mi fanno scappare come avessi alle spalle un brutto mostro a inseguirmi. Capisco la tua difficoltà ad esternare sentimenti e metterti in gioco, ma credimi che anche in questa maniera non otterrai da me niente di più di quello che hai avuto finora. Pensaci su. L’ultimo pensiero va all’incoerenza di Stella. Per settimane mi hai pressato come fosse l’unica cosa che contasse sulla terra, d’un tratto hai cambiato tendenza. Se era una sfida con te stessa per vedere se mi sarei riavvicinato, perfetto, complimenti, in parte ci sei riuscita e hai ottenuto ottimi risultati. Se credi che però sarei tornato con te come se nulla fosse successo o cambiato in questi mesi, sbagli, perché a mente lucida ho avuto diverse volte modo di riflettere sui tuoi atteggiamenti e sui miei. All’epoca la scusa fu il “non avevo testa”. Adesso la scusa non mi interessa, nè mi interessa cosa hai voluto ottenere o forse non ottenere con il tuo comportamento, di certo, mi avrebbe fatto piacere e tanto viverti come l’amicizia che non avevamo avuto il tempo di vivere per poi vederla crescere e diventare magari altro. Ma sentirmi tenere sul filo, da te, per uscire un’ora la sera, no, non lo accetto; credimi, hai sbagliato persona. Fallo con chi puoi davvero prendere in giro, ma ti prego, evita la malsana idea di farlo con me, perché vedi, finché c’è l’attenuante della buona fede sono in grado di giustificare, ma se in un comportamento, comincio a trovare malizia, divento cattivo. Ancora una volta, l’ultima a questo punto, voglio credere che la tua grande confusione esistenziale e a quanto pare, della tua gestione emotiva in genere, ti abbia spinto verso di me e allo stesso modo ti abbia allontanata. Manterrai sicuramente per le prossime ore nel cellulare i messaggi da me ricevuti e da te inviati, bene, rileggili e pensa a ciò che scrivi rispetto al tuo porti. Forse comprenderai che seppure con te per ragioni evidentemente alchemiche ho una sintonia e un’affinità particolari, non sono un pupazzo gestibile a piacimento e, se ci tieni al mio volerti sinceramente bene, alla mia amicizia e soprattutto se sei in grado di rispettare le persone, esci dal contesto pacchiano, confuso e influenzabile tramite il quale hai gestito fino ad oggi il nostro rapporto e vivimi. Anche io ho il mio mondo e rispetto chi lo cammina accanto a me.

Buonanotte, per chi sa ancora sognare. Un abbraccio a tutti.

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Spiegazioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

One Response to Eccomi alla fine di questa estenuante giornata,

  1. DeaChiara says:

    ciao,trovo molto sensibile e profondo..nonche’dolce cio’che scrivi..

    ma qual’e’il problema..?perche’sembri me..risp.

    Chiara

Rispondi