Giornata dai contorni strani.

Stanotte ho dormito poco o niente e questa mattina ho spento la sveglia prima ancora che iniziasse a suonare. Tutto sommato però mi sentivo abbastanza bene fisicamente e sono andato in ufficio con la giusta tranquillità. Le ore si sono susseguite veloci a pranzo mi sono bevuto il solito frullato e ho acquistato i biglietti (questa volta aerei) per il weekend. Weekend che mi pare già alle porte visto che domani è Mercoledì, il giorno di mezzo. Ma mentre lavoravo un giramento di testa mi ha fatto capire invece, che ero al limite. Sarà un pò di stanchezza.
Rieccomi, anche se non ve eravate accorti, ho interrotto per cucinarmi dei rigatoni alla bolognese proprio niente male. Ora va decisamente meglio.
Vi dicevo quindi di questa giornata un pò anomala. Partita bene e finita in un crescendo di caos. Il resto è stata una passeggiata in centro dopo il lavoro, utile a distrarmi e a cercare i sostituti dei miei occhiali dalla montatura nera, che permangono solo nelle foto e nei ricordi. Ora mi rilasso un pò, staccando la spina, dovrò pure darmi priorità ogni tanto no? A forza di preoccuparmi degli altri, va a finire che tralascio me. Passate un buon tempo, ci aggiorniamo domani, passo..

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged . Bookmark the permalink.

Rispondi