Vorrei, aggiornare, si,

vorrei scrivere le ultime, con più tranquillità, ma ho un dvd di Blockbuster che mi guarda dalla scrivania a ricordarmi che devo riconsegnarlo. Consegne a domicilio no, eh?
Tralasciando l’attimo di culo pesante, mi rendo conto che in questi giorni sto rubando lo stipendio, però non riesco ancora a rientrare in simbiosi con il da fare. In prospettiva vedo un’altra promozione, ma questa volta mi toccherà prendermi determinate responsabilità sul serio e vedo anche un viaggetto di aggiornamento al Cairo per il web marketing. Proprio non vedo l’ora ^^
Sulla banchina, da ieri mattina, sono tornate tutte le facce più o meno conosciute, non sono il solo ad aver ripreso a lavorare dalle mie parti. C’è il tipo che parla sempre al telefono e non si capisce se fa finta o è vero, c’è quella che racconta all’amica di come il suo ragazzo non sappia comprendere certe esigenze, quello che in mano ha “Leggo”, “Metro” e “City, prima ancora che arrivi quello delle consegne a posarli negli appositi contenitori, quella con il culo stratosferisco che tanto non le dici niente e beato chi ne usufruisce e insomma, tutto o quasi è tornato alla normalità. Anche il tempo dice la sua con questo abbassamento di temperature, alla fin fine, tra qualche settimana si entra in autunno e allora sì, un’altra estate se ne sarà andata. Il bilancio lo rimando appunto per quel momento, di certo è stata strana. Mi sono ritrovato con la stessa sensazione che si potrebbe avere nell’essere scaraventati da un treno a metà corsa, smarrimento e dolori vari per la botta, poi ci si pulisce addoso, ci si guarda intorno e si incomincia a camminare seguendo la strada che ci sembra essere la migliore.
Detto questo mi vesto e vado a compiere lo sforzo, poi mi vedo all’Elmi con gli altri. Vi abbraccio e grazie del supporto giornaliero.

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Spiegazioni and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Vorrei, aggiornare, si,

  1. HILLY83 says:

    Sì, c’è vento e fa freddo… ed anche quest’estate è terminata.

    Le spiagge sono deserte e i bagnanti si son trasformati in pendolari, nei sobri lavoratori che all’alba stanno già in piedi nonostante il sonno, nonostante i tanti sogni.

    E’ settembre.

  2. nonscordarmi says:

    Ciao Ila, mi fa piacere “rivederti”.

    Settembre si riprende il ruolo di gustafeste per chi come me si riscopre amante dell’estate. E’ un’altra stagione della vita, non solo a livello climatico, anche per i cambiamenti che hanno fatto breccia nelle ultime settimane. Fuori tira vento e i sogni cadono. Ma il viaggio continua. Buonanotte a te e agli altri. Buonanotte davvero…

Rispondi