Esco dalla doccia e il primo

pensiero va all’odore di lei lavato via. Era un cielo neutro, quello che nelle mie fantasie non c’è mai, quello che non parteggia, è li e basta, ti guarda e via, tutto come deve essere. Mi sono domandato se riuscisse anche a leggere quello che c’era dentro, il desiderio e l’ansia troppo lungamente trattenuta. Per un attimo mi sono sentito come quando quindicenne aspettavo la mia prima findanzata davanti alle grate di scuola. Solo che ora è più forte, è più intenso, è vivo, incredibilmente vivo e allora mi sono reso conto che non è un qualcosa di vissuto, ma un qualcosa di sconosciuto e nuovo. Ho pensato che non ero pronto. Ho avuto migliaia di sfumature di paure che mi hanno attanagliato il cuore. Ma quando passa il treno delle emozioni non puoi fare nulla, ti travolge ed è così che va. E quando non riesci a sostenere lo sguardo. Non è perché non vorresti, non perché non ci riesci, ma perché sai che davanti hai qualcuno che con quello che è stato non c’entra.
E’ tutto lì, perché quel treno non aveva motivo di passare altrove.
E’ tutto lì, e ripensi, immagini, desideri.
E’ tutto lì, e ti accorgi che la vita è in ogni cosa.

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Esco dalla doccia e il primo

  1. utente anonimo says:

    tesoro..che bello leggere queste nuove emozioni….

    sono molto felice per te e per la nuova vita che ti aspetta!!!!ti voglio bene,susy!!!

  2. nonscordarmi says:

    Ciao ‘Silusy’ 🙂

    Grazie mille, sei sempre squisita con me.. Ci dobbiamo un caffe’, (decaffeinato) ^^ ti abbraccio bella :-))

Rispondi