Verso Natale

Ad un passo dal Natale e per le strade le persone si riversano per gli acquisti dovuti per una festa che perde di fascino, ma che guadagna tutti gli anni di soldi spesi. Quest’anno passerò totalmente il Natale in famiglia e se da un lato mi disorienta, dall’altro mi fa piacere perché i miei genitori mi hanno sempre visto scappar via per questa o quella ragazza. Siamo una famiglia strana, con radici un po’ ovunque e passiamo le feste quasi sempre separati, pero c’è un legame molto solido, con qualche macchia, ma fatto di un sentimento reale. Ho intenzione di far loro un regalo utile, non la solita cretinata che guardano un giorno e finisce nel dimenticatoio. Ricordo con una nostalgia incredibile l’attesa della mezzanotte, mamma mi sedeva sul letto, avevo i piedini che ancora non toccavano il pavimento e mi diceva: “se non ti addormenti lui non arriva”. Cosi mi infilavo sotto le coperte, che lei mi rimboccava e mi addormentavo, con la speranza che la letterina fosse arrivata a Babbo Natale e che avesse preso in esame tutti i regali che avevo richiesto. La mattina dopo, non appena aprivo gli occhi, mi riversavo giù dal letto e correvo veloce col pigiama mezzo storto addosso, all’ingresso, per scivolare sotto l’albero e tuffarmi sui regali. Ci sono delle fotografie del mio passato che sono inestimabili, per tutto l’amore che ho ricevuto e che poi quando cresci ti manca in maniera incommensurabile. Agli angoli della vita a chiedere briciole di sentimenti, una carezza,  un conforto, una cura per il cuore. Va così, si perdono valori e sensazioni, odori e suoni che ci hanno riempito la parte migliore del nostro vissuto. Va così perché è il naturale percorso. Ed anche se so che sarà diverso, per una volta almeno, davvero, sono contento di passare la notte di Natale con i miei.

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Natale and tagged , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Verso Natale

  1. HILLY83 says:

    Sì, gli odori e le sensazioni del Natale di quando eravamo bimbi sono inestimabili…e non torneranno più, perché lo spirito è ovviamente diverso, per crescendo perdiamo qualcosa per fare spazio ad altro, nuovi sentimenti…però magari, chissà, un giorno, quando saremo genitori (capaci), potremo far rivivere questa magia ai nostri figli…

  2. utente anonimo says:

    vabbè,vorrà dire che il regalo che t’ho fatto me lo tengo..^^

Rispondi