E ci torni con il pensiero,

nelle fotocopie comportamentali, didascaliche impressioni d’essere. E’ facile dire, sono diverso, quando c’è invece una sorta omologazione a livello umano. Essere i migliori, non per prevaricare sugli altri ma come un dovere verso se stessi. Scivolano le macchine sulla strada, così come i ricordi che sempre più sbiaditi fanno parte degli ieri scappati via, come onde che non si infrangono sugli scogli ma che vanno al contrario verso il mare aperto. Derisione o apprezzamento, ma mai comprensione, non si può apprendere ciò che non si prova. Due mondi a parte, binari, sì paralleli, ma senza mai scambio, senza mai ritrovo e senza mai possibilità di incontro.

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Romanzi, Tutto quello che resta and tagged , . Bookmark the permalink.

4 Responses to E ci torni con il pensiero,

Rispondi