Condannato o assolto?

Forse c’è troppo silenzio, così è davvero semplice pensare a quello che non è riuscito piuttosto a quello che potrebbe essere.

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged . Bookmark the permalink.

2 Responses to Condannato o assolto?

  1. ZuZuli says:

    Difficile risponderti. Sii più chiaro…e poi chi è senza peccato, scagli la prima pietra!…

  2. utente anonimo says:

    Assolto, ovviamente. Si condanna per ben altro, di ben altra gravità.

    Avessi più tempo, suggellerei la cosa con un brindisi con frullato di occhi di coccodrillo.

Rispondi