Siamo come delle pozzanghere,

che goccia a goccia ci riempiamo allargando i margini per fare nostro un altro pezzo di vita.
Ho pensato che non so se vorrei il telecomando della vita: piuttosto sarei curioso di sapere cosa sarebbe accaduto davanti a scelte diverse.
Ho pensato che sono un trasformista: mi adeguo a qualunque condizione con naturalezza senza mai forzare la mia personalità. Ho pensato che ci vorrebbe più tempo, che tra molteplici interessi, doveri e piaceri, una vita sola non basti. Ne servirebbero due: una per programmare, seminare ed un’altra per goderne e raccogliere.
Ho pensato che l’amore probabilmente è temporaneo, che forse non esistono brividi eterni e che prima o poi la routine e l’abitudine prendono il sopravvento e che forse è per questo che la ricerca del partner giusto è da ricercare nella complicità comune.
Ho pensato che me la sono cavata, anche discretamente bene e che seppure qualcosa è andato storto, tanto altro è andato meglio del previsto.
Ho pensato che sono fortunato, sì, estremamente fortunato.

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Spiegazioni and tagged , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Siamo come delle pozzanghere,

  1. HILLY83 says:

    Il brivido fra due persone, fisiologicamente, dura poco, questione di mesi, un anno o due. Poi inevitabilmente cala la cortina della routine, dell’abitudine. Ma è qui che si capisce se si tratta di amore o degli strascichi di una vecchia passione. L’intelligenza sta in non scivolare nella tristezza quotidiana e cercare sempre di riscoprire se stessi ai propri occhi. L’amore c’è, basta trovare chi è disposto ad esserci complice, nonostante i problemi, attraverso semplici sorrisi. E il brivido torna da sé.

    Un bacio

  2. Che io almeno credo, eh? 🙂

  3. ZuZuli says:

    Niente dura per sempre…ma può trasformarsi in un piacevole percorso da dividere in due. Come mi piace la tua introspezione…Bravo!

  4. Sei sempre bravissimo con le parole…

    😀

    grazie del supporto caro amico

    😀

Rispondi