Eccoci dopo una boccata

di ossigeno a riprendere la marcia per una nuova settimana. Massacrato, solito, ormai non recupero più. Non so se ciò dipende dallo stress subito negli ultimi mesi per via soprattutto della situazione di papà o se è proprio un momento di stanca, tutta via dormire, rilassarmi, ricaricarmi, mi pare sempre più difficile e ho la sensazione di essere costantemente sotto pressione – non una pressione negativa, ma senza stacchi, privo di pause. Mercoledì visita di controllo per papà ad un mese dall’intervento e nella clinica dove è stato operato. Spero non trovino versamenti né cardiaci né polmonari e che tutto il decorso, internamente, stia procedendo per il meglio. Fine mese, per vostra sventura, uscirà in libreria “Tutto quello che resta”. Vi stresserò a dovere al momento opportuno. Intanto vi auguro un buon lunedì, coraggio.

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Romanzi and tagged , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Eccoci dopo una boccata

  1. Yuffetta says:

    Eh si!La settimana inizia sempre con la stanchezza addosso,ma basta un sorriso è tutto passa!

    Grazie per le tue parole,le custodiro’ e ne faro’ tesoro!Spero un giorno di ritornare a visitare il tuo blog,è scambiare due parole ^_^

    A presto!

  2. Dovremmo imparare

    dal vento…

    *

Rispondi