E qualche incubo non se ne va con il risveglio al mattino,

ti fa compagnia e non ti molla pure durante la veglia. Rimane lì incollato e persistente e si concatena ad ogni evento del quotidiano. Dopo alcune settimane di stretta, finalmente torno a respirare a pieni polmoni quell’aria che facevo fatica ad inalare.
I muscoli si sciolgono e quasi liquefatto mi sento più morbido.
La vita e le milioni di emozioni, bene o male.
Grazie, per esserci stata, capace oltremodo, oltretutto, di andare davvero oltre e vedere quanto altri non avrebbero mai visto.
Tu sei un alieno, credimi!
Ed è vero, hai molto spesso ragione, devo ammetterlo e non mi pesa.
Ci sarebbe altro da scrivere, ma sarà nostro e basta.
Grazie a voi, invece, per l’amicizia irrinunciabile che ci lega, quali che siano gli eventi.
E grazie pure a te per i pensieri leggeri.
Finalmente la salita è terminata e la discesa è tutta da percorrere.
Buona settimana a tutti.

…e per ultimo, se posso, azzardo solo un fatto personale
che io possa riabbracciarti almeno, almeno per un paio d’ore…
(Alex Baroni – Speriamo)

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

8 Responses to E qualche incubo non se ne va con il risveglio al mattino,

Rispondi