E perdersi in quelle riflessioni

che fra le tue parole e il romanzo si prendono la messa a fuoco.

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged . Bookmark the permalink.

Rispondi