E il “disastro”

è che io lo so già.
Rido.

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged . Bookmark the permalink.

Rispondi