Siamo proprio io e te.

Aveva strappato tutto: le lettere, i post-it, i fogli di quel vecchio bloc-notes. La rabbia le saliva in fretta negli occhi riversandosi in lacrime lungo il viso.
«Non hai capito mai niente di me.» Si era detta credendoci davvero, sicura che il tempo potesse sostenere quell’affermazione.
Eppure, in mente, le era rimasta l’ultima domanda posta: “E adesso? Come lo colori il cielo adesso?”

This entry was posted in Gianni D'Ambra. Bookmark the permalink.

Rispondi