Potessi parlarti ancora lo farei,

ti racconterei di tutto quello che è successo dopo, tutti i “mi dispiace” pronunciati per te e per coloro che hanno di volta in volta preso il tuo posto. Ti direi che sono valsi quei mesi insieme, che se non era amore quantomeno ci andava vicino, che se dopo tutto questo tempo sono qui a scriverti con la consapevolezza che non lo verrai mai a sapere è perché hai lasciato uno di quei segni che nonostante il vissuto non posso nascondere. Ti direi che certe volte scivolando sui nomi in rubrica, faccio fatica a non inviarti una chiamata, un messaggio. Ti direi che spero che in qualche modo il ricordo che hai di me non sia brutto come erano brutte le ultime parole che ci siamo vomitati addosso. Ti direi che lo so che ho fatto degli errori e non ti direi di quelli che hai commesso tu, perché ho imparato a perdonare gli altri, ma soltanto ora a perdonare me. Ti direi che vorrei sentire il suono della tua risata, guardare di nuovo le facce storte e buffe che mi regalavi quando i nostri accenti così diversi si scontravano. Che mi manca l’odore che ha la tua pelle, che lo so che il passato è passato e non si può tornare indietro. Ti direi che sono migliore di quello che hai lasciato, non perché vorrei mi rimpiangessi, ma semplicemente perché vorrei da la constatazione all’impegno profuso. Ti direi che queste mani di visi ne hanno accarezzati tanti e che il tuo quando le apro sa mancare. Ti direi che non sei stata la più importante, perché ogni storia ha fasi e situazioni diversissime dalle altre, ti direi che è vero che non si capisce il valore di qualcosa finché non l’hai perduto. Ti direi che ti immagino indaffarata al negozio a snodare dettagli sulle vendite del giorno, che a volte mi sento solo, non di una solitudine fisica, che è qualcosa che nasce da dentro e non lo so spiegare e che non dipende da te. Ti direi che non ho più avuto paura di vivere, che ho capito che certi legami sono indissolubili ma che ogni tanto è giusto accantonarli. Ti direi semplicemente grazie perché non ho mai avuto l’occasione di farlo.

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged , , . Bookmark the permalink.

19 Responses to Potessi parlarti ancora lo farei,

  1. LauBethMoore says:

    Sono i ricordi che riemergono all’improvviso, senza chiedere permesso, quelli più belli, quelli che anche se li scacci non vanno via, quelli che hanno lasciato un segno.. Un piccolo graffio nella nostra vita che significa tanto, troppo in alcuni momenti.. Me l’hai detto tu stesso, bisogna imparare a conviverci.. Ed io, per quanto piccola possa essere, ho seguito il tuo consiglio:) Baci!

  2. dolce e sincero questo post!

    sai…di errori ne commettiamo tutti a profusione, l’importante è avvedersene e tentare di riparare…

    tutti abbiamo qualcosa da farci perdonare…stai cambiando a quanto leggo, stai imparando…

    è questo il senso della vita!

    imparare…

    un sorriso!

  3. chota says:

    non lo so perchè fin’adesso non mi sono mai fermata a leggerti.

    e non so perchè oggi invece ci ho messo attenzione.

    sarà perchè quando ti trovi in certi particolari stati d’animo,

    alcuni dettagli ti appaiono diversi..

  4. nonscordarmi says:

    @LauBethMoore

    Ciao piccoli’,

    esattamente, una convivenza a volte forzata, ma dovuta per il bene che dobbiamo volerci, per il rispetto della nostra persona, baciotti 🙂

    @attimideterno

    Sono sempre stato innamorato del tuo nickname, pseudonimo, sorprannome, username che sia. Perche’ credo che davvero certi attimi siano eterni abbiano il passaporto del tempo, ci facciano compagnia anche quando tutto dovrebbe essere passato, archiviato, scordato. E si impara, si’, siamo fatti proprio per questo, un sorriso a te 🙂

    @chota

    Come detto, fa sempre estremamente piacere condividere uno stato d’animo, un’emozione 🙂 Grazie per essere passata!

  5. i fantasmi del passato

    i ricordi.

  6. thesweetair says:

    che belle le tue parole….. ciao e buonaserata….. 😀

  7. Cavolo… fortunata la ragazza!! che si persa…

  8. ibella says:

    Non nascondo ke mentre leggevo alcune lacrime hanno percorso il mio viso in questo istante triste…

    Mi ci vedo in quello ke hai scritto….è difficile dimenticare quando si è provato un sentimento profondo….cerchi di andare avanti,e ci riesci anke,ma c’è sempre quell’ombra ke ti porta a ricordare…specie quando in cuor tuo vorresti ke ritornasse da te….

    Ti abbraccio Gianni e ti auguro una dolce notte…baci

  9. nonscordarmi says:

    @XxTechnoStarXx

    Essato, proprio quelli, che ci fanno compagnia quando la vita sembra averci fregato…

    @thesweetair

    Grazie molte, provo a scrivere quello che sento, percepisco 🙂

    @occhicheridono

    O sfortunata? D’altronde facciamo parte degli ieri 🙂

    @ibella

    Grazie piccola, per tutta la delicatezza e la dolcezza delle tue parole. Ricambio l’abbraccio, sperando che il domani sia sempre un po’ migliore.. Baci a te..

  10. acquadolce77 says:

    credo di averlo letto una decina di volte…bellissime parole…un abbraccio

  11. nonscordarmi says:

    @acquadolce77

    Credo tu abbia vinto la palma come lettrice più accanita del post del giorno 🙂 Ti abbraccio anch’io..

  12. PIDEYE says:

    molto bello questo post.

  13. hoope says:

    sinceramente?

    io ancora nn mi spiego cm un uomo dolce cosi’ possa stare da solo!caspita!

    certamente di errori se ne possono commettere e su qto nn c’è dubbio,ma caro Gianni qdo c’è l’amore quello vero tutto si dimentica e si puo’ perdonare…ma…come dicevo qdo c’è l’amore!

    cmq ti auguro di trovare il meglio xkè un cuore cosi’ colmo d’amore cm il tuo lo mmmmmmerita!un abbraccio tenerissimo

  14. Ci si ritrova un po’ tutti nelle tue parole, o si spera di poter sentire, prima o poi, qualcuno che le pronunci per noi. Mi piace pensare che una storia che finisce rimarrà sempre dentro di noi perchè, in un modo o in un altro, ci farà crescere e maturare, e quello che saremo dopo sarà sempre il risultato di quello che è abbiamo passato.

  15. nonscordarmi says:

    @saltonelvuoto

    Capitera`, capitera` eccome. Ci sono un po’ tutti gli ieri a porre un “uguale” alla fine della somma.

    Grazie per essere passata.

  16. mi riempie di orgoglio sapere che sono l’unica ad aver capito al terzo rigo a chi si riferiva questo post (che mi ero persa!) ^^

    buon ferragosto giannettì

  17. nonscordarmi says:

    @PrincisulPipi

    Sei anche una di quelli pochissime persone che sa pure quante volte vado al bagno durante le giornate 😛 Anche a te Silviettì :*

  18. Gloria says:

    ……….trovata, ho capito adesso perchè mi hanno consigliato di leggerla….forse la cosa che io devo imparare è accantonare…ma non è semplice…e anche cercare di parlarmi e amarmi non è semplice…

  19. Gianni Gianni says:

    Ciao Gloria,
    ben arrivata da queste parti: devo essere sincero, non avrei saputo a quale lettera vi riferiste, ne e’ passata di vita fra queste pagine, situazioni, condizioni, fatti.
    Ci sono condizioni particolari, persone che riescono a toccarci piu’ di altre che nonostante i momenti di disagio, si incastrano perfettamente nelle nostre emotivita’.
    Non conosco la tua situazione, pero’ su una cosa si’, mi trovi d’accordo, devi volerti bene, pure se non e’ niente semplice 🙂

Rispondi