L’equilibrista

Ultimi minuti del giorno degli innamorati o meglio degli amori felici. Ho festeggiato tante e tante volte questa festività decisamente consumistica, ma sempre e solamente per divergenze di idee con la partner del momento. Non credo bisogni aspettare questo giorno all’anno per palesare amore. E quanti amori che ci lasciamo alle spalle, quante promesse in giorni come questo per poi perdersi lasciandosi alla vita che si incontra. Non l’ho capita Linda. Sono rimasto basito, considerando il suo plausibile interesse per me, mandarmi una foto di Stella che pavoneggia due miei regali di Natale mi sembra quantomeno fuori ogni logica. Non ci vedo niente di losco, ma soltanto tanta stupidità. Tanto più che non credo Linda abbia detto a Stella che mi avrebbe inviato quella foto. Il resto è un susseguirsi di impegni lavorativi, rientri a casa, pensieri che non arrivano da nessuna parte o conclusioni che non mi piacciono troppo e che tendo a raggirare. Federica è la solita dolcezza, anche se non sono predisposto ad un rapporto che vada oltre questo tipo d’amicizia sono sincero nel dire che mi dispiacerebbe non avvertire più questo tipo di affetto. Ho richiesto ferie per la prossima settimana,  stare qui a Milano diventa ogni giorno più stancate e come ho occasione cerco di fuggire, spero sia davvero poco il tempo che mi divide dal rientro. Passo..

Camminavo su una corda tesa,
l’equilibrio mi aiuta a vivere.
Due più due non dava quattro mai,
c’era il caos nei pensieri miei.

Un bicchiere per dimenticare,
che morire o vivere era uguale,
non riuscivo più a ritrovare,
la mia strada, la mia direzione.

Povero in danari, ricco in fondo al cuore,
davo tutto il bene, davo un po’ di me.
Ho speso parole e invano questo amore,
per chi come me, costretto a mendicare.
Ed in cambio ho avuto tanto male.

Io cammino su una corda tesa,
l’equilibrio ormai mi aiuta a vivere,
due più due non può fare quattro mai,
torna il caos nei pensieri miei.

Povero in danari, ricco in fondo al cuore
davo tutto il bene davo un po’ di me.
Ho speso parole e invano questo amore,
per chi come me costretto a mendicare.
Ed in cambio ho avuto tanto male.

This entry was posted in Amore, Canzoni, Capodanno, Gianni D'Ambra and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to L’equilibrista

  1. io ci sarò lo stesso, sempre asd attendere il finale di qst partita e per ora nn ha importanza l’esito..va bene così..un bacio!

  2. damnedsoul says:

    il solito salutino…^^

Rispondi