L’autunno e i primi freddi,

quelli che la maglietta e un giacchetto non coprono più. Apri l’armadio, ritrovi  maglioni di un inverno fa, ne scegli uno, perché si abbini bene e mentre ne accarezzi la lana soffice e morbida ti rinvengono in mente situazioni e stati d’animo di quando li indossavi. Allora ho scelto quello grigio con le toppe sui gomiti. Sorrido mentre mi vesto, un anno fa era così aderente, che dovevo chiedergli scusa per indossarlo ogni volta. Ora è diverso, calza perfettamente e anzi, avanza.
Sono diverso.
È tutto diverso.
Cammino pugni in tasca per le strade di un mondo che mi somiglia di meno, ma che sento più mio.
Sarebbe facile, sì, omologarsi, confondersi con il resto, ma no, non sono così. Mi piace auto emarginarmi dalle condizioni generali. Come mi è capitato di dire spesso alla ragazza delle melanzane, rimango una voce fuori dal coro. Potrei esserlo di più, certo, ma anche molto di meno. Perché la vita, penso, debba essere costruita a forma di noi e non importa se poi ogni tanto ti sgambetta o non ha i resti da darti indietro, conta il tuo impegno, la voglia di crederci, la voglia di farlo.
Perché c’è una morale, ci sono dei valori, c’è chi li rispetta e chi no, ma a me non tange il comportamento altrui, anche quando è deludente e sciocco. Mi interessa come mi rapporto io. Posso accettare che chiunque mi deluda, tagliare i rapporti ed andare oltre, ma non posso accettare che a deludermi sia io.

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to L’autunno e i primi freddi,

  1. HILLY83 says:

    A volte capita, addiriturra penso che sia fisiologico deludere se stessi; ma l’importante è capire dai propri errori, una volta riconosciuti tali. E non penso proprio che tu sia una persona capace di perseverare nello sbaglio.

    Ti abbraccio, sempre più forte.

  2. utente anonimo says:

    Alle volte deludiamo noi stessi in uno di quei modi che qualche tempo prima avremmo detto: “non lo farò mai!” . Ed è in questi casi che brucia di più..

    Un abbraccio, Elisa ^^

  3. orsettadolce says:

    Come sai,io sono una che è rimasta delusa di se stessa..Ma ciò che conta è andare avanti, anche se il passato è incancellabile..Andare avanti, cercando piano piano di non commettere più certi errori, ma dandosi tempo, non pretendere che vada impeccabilmente subito.

    Un abbraccio

Rispondi