Si infilano i giorni con

ordinaria regolarità. Ieri sera, incredibilmente, sono rimasto a casa e mi sono dedicato un po’ ai miei interessi (no, non contavo le briciole).
Pensavo, come di consueto, che non abbiamo mai abbastanza tempo e tutto è relegato ai ritagli di questo stesso. Pensavo che è ingiusto davvero dover spendere la maggior parte delle nostre vite lavorando.
Quante cose abbiamo in sospeso?
Organizzare tutto alla perfezione non è possibile e forse nemmeno corretto, ma come fare allora per portare avanti ogni progetto?
Dormo sei ore a notte circa per cercare di fare un ulteriore gradino, un passo in più. Vivo i weekend al massimo, ma lo stesso ogni tanto devo rifiatare. Sarà sempre così?
Mi cruccio perché voglio tempo cazzo.
Ho il diritto di fare quello che voglio fare.
Non ho idea se vi sarà una seconda chance, un’altra vita per fare tutto quanto, al momento mi si palesa solo questa come prospettiva e la devo sfruttare appieno.
Purtroppo non esiste una banca del tempo dove far maturare gli interessi per quello speso male o non speso. Se non erro il Liga diceva qualcosa di analogo.
Questa mattina, mentre mi preparavo per uscire, ho fatto un gesto di quelli che non mi appartiene e che invece sono parte del bagaglio di un’altra persona.
Fa strano rendersi conto che anche chi non fa più parte di noi è comunque in noi per quanto ci ha lasciato. Ho sorriso da solo.

This entry was posted in Gianni D'Ambra, Spiegazioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to Si infilano i giorni con

  1. HILLY83 says:

    Sì, anche io vorrei abolire il San Valentino…tutto è smielato, tutto ipocrita, cioccolatini e poi corna 😛 ma almeno, lasciamelo dire, se magna!

    Certo che ce la farai, reputati fortunato, non devi farti in quattro per rendere la tua lei felice. Essere uomo è un gran brutto mestiere.

  2. esattamente. e la vita che non spendi, che interessi avrà?

    ma soprattutto: “si può però morire vivendo solo per sentito dire? si può però morire per la fame che non hai?”

    😐

  3. nonscordarmi says:

    *HILLY83

    Eh si.. 😛 Si mangia… Pero’ amo piu’ le sorprese che le feste combinate 🙂

    Davvero, sono anni chen on lo passo da single o comunque da non innamorato.. Risparmio per le prossime occasioni;-)

    Baci

    *PrincisulPipi

    Si, e’ chiaro, non eri on line, avevo un vuoto… Sono andato a memoria 😛

    DEVI ESSERE PIU’ PRESENTE. Smettila di andare al bagno e dormire plx.

  4. VoglioEbe says:

    fare qualcosa di inconsueto a volte è come sguillare un attimo con le ruote, uscire di strada e poi rimettersi subito in carreggiata..una botta di adrenalina.

    a volte illumina la giornata finchè non te lo dimentichi..sommergendo quel gesto con milioni di altri pensieri..

    però a sera se te lo ricordi, ti viene anche da ridacchiare tra te e te.

    qualcosa di diverso.

    fa sentire bene a volte.

    chissà…

  5. nonscordarmi says:

    *VoglioEbe

    Si, sono anche io per le uscite di strada, per il respirare aria nuova… Il problema è solo il tempo che possiamo dedicargli.

    Mi sono ritrovato anche io, spalle al muro, con una sigaretta a mezza bocca a sorridere di qualcosa che è stato soltanto mio e che solo io potevo capire..

    Grazie per essere passata 🙂

  6. newel says:

    devo dire che la mancanza di tempo è uno dei miei crucci maggiorni..

Rispondi