Eden – Subsonica

“Non siete riusciti a bissare/Microchip Emozionale.” canta il ritornello di “Benzina Ogoshi” in questo sesto lavoro da studio della band torinese. Perché Eden è molto lontano dalle sonorità del passato, ma non per questo meno intenso ed interessante. Un concept album, evidentemente, nella ricerca di una serenità per un paradiso che è una costante utopia in una vita che sembra proprio non offrirne. “E se alla fine riusciremo a credere/Nelle nostre promesse/Avremo pace/Le risposte, incognite/Sempre le stesse.” Canta appunto Samuel nel brano che dà titolo all’intera produzione, ma la tentazione in “Serpente” viene vista costante dietro l’angolo. “Dai, morbido è il frutto, sai/La tua tentazione ormai è nel mio regno/Dai, sono il nome dei tuoi guai/Nessuno saprà mai, solo per noi.” Ed è il rammarico dell’insensibilità che rimane addosso, nel “Diluvio” che distrugge e cambia ogni cosa per la prima volta. “E sciarpe al collo e tutta la carnalità/In quel corteo le prime libertà/Ti consegnavo l’ingenuità/Quante volte mi hai rubato la verginità.” E l’amore finisce pure lui, perché tanto più ci si avvicina, tanto più ci si ferisce quasi avessimo gli aculei di un “Istrice”. “Chi ci ricorderà?/Chi ti farà ridere?/Per chi ti smarrirai?/Chi userà lo sguardo tuo?/Chi lo fa al posto mio?/Io dove sarò?” Dunque il paradiso non è per noi e non possiamo avere un posto “Tra gli dei”.“Sorridi forte poi scatta la foto/Tra questa trionfante umanità/A come siamo, per come saremo/Quando questa epoca tramonterà.” Eden, è in definitiva un album completo, forse non è il migliore dei Subsonica e molti potrebbero etichettarlo come commerciale, ma di certo in un panorama musicale italiano che vive di stereotipi imbarazzanti, è un lavoro assolutamente di classe.
Buon ascolto.
Tracklist:

  1. Eden
  2. Serpente
  3. Il diluvio
  4. Prodotto interno lurido
  5. Benzina ogoshi
  6. Sul sole
  7. Quando
  8. Istrice
  9. Tra gli dei
  10. La funzione
  11. L’angelo

Vivrò così,
lasciando che si mastichi la mia anima
e in quel fruscio di ali su che non c’è un angelo lo so,
ma io lottando ho avuto te e non c’è altro che vorrò.
(Subsonica – L’angelo)

This entry was posted in Gianni D'Ambra and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Rispondi