Mattia annuisce e guarda davanti a sé, ricordando frangenti del passato che non smetterà mai di legarli.
«Tu lo sai com’è piangere alla nostra età.» Dice Gianluca riferendosi alla canzone.
«Vorrei smettere di piangere. Ma smettere veramente. Vorrei solo ridere per vivere e vivere ridendo. Che quando riconsideri quanto ti sei lasciato scappare, la difficoltà maggiore è nell’avere il coraggio di affrontarne le conseguenze. Che sia il ritornare sui propri passi e chiedere scusa, che sia andare avanti se la porta del dialogo è chiusa. La grossa fregatura è che quando comprendi gli errori commessi a volte è troppo tardi per rimediare. Anche se ciò che ci ha ferito ieri non ci ferirebbe alla stessa maniera oggi, però come si può vivere schivando tutto? Non eviti Giada, anche se sai che un giorno potrebbe farti del male.» Spiega Mattia in un momento di spessore interiore, sicuro che quale che sia la sua opposizione, farà sempre e comunque quanto sente di fare.
(Gianni D’Ambra – Di un amore)

This entry was posted in Di un amore, Gianni D'Ambra, Romanzi and tagged . Bookmark the permalink.

2 Responses to

  1. ale says:

    ma come fai! bello!bello!bellooo!! quanto ti manca per finirlo???

  2. Gianni Gianni says:

    Spero di vivere abbastanza a lungo per finirlo eheheh 🙂
    Ciao Ale, ci sto lavorando in ogni ritaglio, c’è da fare, c’è da fare, bacio

Rispondi