Il cielo è un mantello di velluto scuro tenuto su dalle stelle,

quasi come le puntine da disegno che mantenevano cartelloni e cartine sui muri delle classi. In questa vigilia dell’ultimo dell’anno, viene naturale osservare quello che è andato, quello che sarà, quello che è, come se davvero vi fosse una frattura netta fra prima e dopo, fra oggi e domani: stronzate. Guardami, guardati e ora dimmi:…

Il dopo diventa il prima di poi,

quando quanto attendi finalmente arriva e inizia un’ulteriore corsa. Ognuno porta a spasso il proprio dolore, nelle attese disattese troppe volte. In quante occasioni ci si chiude in un angolo a sopportare un’assenza. E quello che servirebbe è quello che non si ha mai il coraggio di volere. Ho visto storie campare sull’inerzia di un…

Ti ho ascoltata in quel monologo,

non tanto per l’esattezza di quanto esprimevi, ma perché non ti avevo mai vista così determinata nelle tue esternazioni. Avevi questa gestualità – la stessa che ho riportato nel romanzo – che mi impallava lo sguardo. Chissà cosa sarebbe successo se fossimo stati gli stessi, ben sei anni fa. Forse staremmo ancora insieme. Non so.…

L’amore va così, come in altra maniera non potrebbe:

arriva che non te l’aspetti, offre mostrandoti il meglio di sé, prende il meglio di te, e, spesso, se ne va lasciando vuoto e smarrimento. Un percorso già conosciuto che molti di noi hanno affrontato più volte. Passaggi dovuti, strade battute, mentre la vita si snoda nelle traiettorie che abbiamo pianificato o che, semplicemente, si…

Tu sei quel desiderio

che non dovrei avere, quel pensiero che rimane ai margini e che lo stesso si evidenzia, le parole che non posso dirti per via delle complicazioni inevitabili, la contentezza prima di addormentarmi, la curiosità che non potrò togliermi, la voglia da sopire con la ragione. Tu, invece, sei la nostalgia di un tempo che non…

Chiudi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: