È l’attimo che passa tra il fare e il non fare.

L’ansia che anticipa il momento. La vigilia della festa. È la tangibilità che rassicura. La tranquillità che permette sogni sereni. L’archetipo della felicità. È la volta che ammetti un errore. Quella che sei contento di commetterlo. La realizzazione tanto sospirata. È una canzone che ti rimane in testa tutto il giorno. È l’acqua fredda che scivola in gola in un giorno troppo caldo. Il sorriso che ti viene spontaneo. È l’unica cosa buona quando suona troppo presto la sveglia. Quel po’ di luce quando  è troppo buio intorno. Il silenzio quando i pensieri fanno troppo rumore dentro. Il caffè che stringi in mano di mattina. È l’incredulità davanti a qualcosa che funziona. Quell’egoismo sano a difesa di quanto senti tuo. L’umiltà nel saper dire “mi dispiace”. Il sogno che finalmente si realizza. Il messaggio giusto al momento giusto. È la voglia che non si esaurisce mai. L’attesa prima del viaggio. Le sorprese che ti sorprendono davvero. L’improbabile che diviene possibile. È il filo di vento  in un pomeriggio torrido. È l’impegno che viene ricambiato. È il naturale corso degli eventi. È semplicemente questa nostra storia. È tutto quello che abbiamo costruito. È tutto quello che stiamo costruendo, tutto quello che soltanto noi possiamo conoscere.

This entry was posted in Amore, Gianni D'Ambra, Noi due and tagged , , . Bookmark the permalink.

Rispondi